Prima Pagina>Spettacolo> Venditti: “Pezzo di carne non andava giù, ho rischiato la morte”   
Spettacolo

 Venditti: “Pezzo di carne non andava giù, ho rischiato la morte”   

SPETTACOLO
Venditti: Pezzo di carne non andava giù, ho rischiato la morte

(Fotogramma)

“Ieri sera stavo per morire, un pezzo di carne non scendeva giù e il nostro maestro delle luci Max Tommasino mi ha salvato con la manovra di Heimlich. Ora ho dolore al costato ma sono felice di essere qui con voi”. E’ con queste parole che Antonello Venditti, che ieri ha compiuto 70 anni, ha raccontato la sua disavventura nel corso del doppio concerto di ieri sera al Palazzo dello Sport dell’Eur, a Roma. Un’esibizione alla quale hanno partecipato come ospiti Zucchero, Ultimo e Briga, oltre a Symo che ha aperto il concerto con Sora Rosa, il primo brano che Venditti scrisse a 16 anni. “Imparate quella manovra – ha aggiunto il cantautore all’inizio della serata – può salvare delle vite“.

La manovra Heimlich, che prende il nome dal medico statunitense che per primo la descrisse nel 1974, è una tecnica di primo soccorso per rimuovere un’ostruzione delle vie aeree.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi