Prima Pagina>Spettacolo>‘Vladyland’, Luxuria si mette a nudo in un album  
Spettacolo

‘Vladyland’, Luxuria si mette a nudo in un album  

SPETTACOLO
'Vladyland', Luxuria si mette a nudo in un album

(Fotogramma)

Si intitola “Vladyland” l’album di Vladimir Luxuria disponibile da oggi su Spotify, Apple Music e tutte le piattaforme streaming per Indiehop.

“Fino a quando ci saranno infinite possibilità di combinare note musicali per nuove melodie ci sarà sempre una buona ragione per svegliarsi la mattina sapendo che una nuova canzone ti accarezzerà il cuore. La serie infinita di note ha prodotto anche questo disco, pensato, suonato e cantato con semplicità e verità. Lo dedico a chi non smette di credere nell’amore”, dice Vladimir Luxuria.
“Vladyland” è il primo disco ufficiale di Vladimir Luxuria, nove tracce (‘Sono Un Uomo’, ‘Un’Altra Via’, ‘Bossa Folle’, ‘Mi Voglio Tradire’, ‘Frasi Via D’Uscita’, ‘Vorrei essere la Moda’, ‘Gommapiuma’, ‘Nuvola’ e ‘Venus’ i titoli) che aprono una fessura nel mondo più intimo di un’artista che da oltre trent’anni si è fatta portavoce di importanti lotte per i diritti della comunità LGBT. Un album in cui amori, desideri, sogni e ambizioni, cantati da Vladimir con leggerezza e spensieratezza, si uniscono a tematiche sensibili e più che mai attuali quali l’emancipazione da una visione di machismo e di mascolinità che costringe il genere maschile all’interno di un recinto fatto di emotività celata e repressa. La produzione dei brani rimanda al sound e alle atmosfere degli anni ’70, alle piste da ballo e alla Italo Disco, cercando di rievocare l’immaginario sonoro che ha fatto da cornice alle vicissitudini amorose degli scorsi decenni. “Vladyland” è il diario sentimentale di una donna che per la prima volta decide di mettersi in gioco attraverso una nuova veste, la musica, con la genuinità espressiva di chi non ha mai avuto paura di esporsi e di raccontarsi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Rispondi