Prima Pagina>Sport>Barcellona, il dopo Setien è già iniziato: per la panchina in corsa Xavi, Pochettino e Koeman
Sport

Barcellona, il dopo Setien è già iniziato: per la panchina in corsa Xavi, Pochettino e Koeman

Come la storica disfatta lasciava presagire, il tormentone sul futuro allenatore del Barcellona è cominciato subito, prima ancora che Setien potesse essere ufficialmente destituito: Xavi, Pochettino (già contattati) e Ronald Koeman hanno immediatamente composto il trittico dei nomi per la successione. Intanto i reprobi avevano già potuto misurare il primo effetto della batosta. A poco più di ventiquattro ore di distanza le due immagini contrapposte del

Advertisements
pullman del Barcellona che scarica i giocatori all’Hotel Sheraton, nel centro di Lisbona, erano l’istantanea della crisi: acclamati giovedì sotto il sole da una piccola folla, al rientro notturno dopo la partita col Bayern Messi e i suoi compagni sono stati accolti da un molto più sparuto gruppetto di censori, che in portoghese hanno urlato la loro rabbia: “Sem vergonha!”.

rep

La trasferta del Barça non era iniziata benissimo mediaticamente, per via di un paio di tweet sulle reti sociali del club, che avevano irritato i tifosi del Benfica: uno sullo stadio da Luz, denominato “Estadio do Sport”, e l’altra sul video dall’aereo prima dell’atterraggio, con la scritta “Lisbon” associata ad Almada, che appartiene amministrativamente al distretto di Setubal. Ma a parte le sottigliezze geografiche e la constatazione che la contestata dirigenza blaugrana si è almeno risparmiata il teorico e scomodo vicinato con Guardiola per il quale i benfiquisti sembrano voler fare il tifo – il Manchester City del grande ex si dovrebbe allenare alla Cidade du Futebol di Cruz Quebrada, centro tecnico della Nazionale portoghese, vicinissimo all’Estadio Nacional do Jamor, il teatro della finale di Coppa Campioni 1967 (Celtic-Inter 2-1) in cui si sarebbe allenato il Barça, se fosse entrato in semifinale – la notte del presidente uscente Bartomeu è stata molto tormentata. Subito attaccato via social dall’ex presidente Laporta, si ritrova a gestire una fase delicatissima. Per lunedì ha convocato d’urgenza la giunta direttiva del club.

in riproduzione….

Oltre all’annuncio della data delle elezioni per la presidenza nel 2021, probabilmente a marzo, e del licenziamento di Setien, dovrà scegliere il nuovo allenatore. Xavi, il campione simbolo della cantera attualmente in apprendistato in Qatar, ha dichiarato di non sentirsi ancora pronto, ma gli esegeti del barcellonismo spiegano che potrebbe trattarsi di una mossa strategica, in attesa di sviluppi elettorali. Pochettino, che sarebbe il favorito, ha il marchio dell’Espanyol, la rivale cittadina, che lo ha spinto non molto tempo fa a un’incauta dichiarazione, per la quale si morde ora le labbra: “Io al Barcellona? Piuttosto faccio il contadino”. Infine Koeman, l’eroe della Coppa Campioni 1992 vinta contro la Sampdoria grazie al suo gol, è il ct dell’Olanda attesa dall’Europeo a giugno. E a proposito di attesa, ce n’è tantissima per le prime parole di Messi: da quelle si capirà il futuro immediato del Barcellona dopo la disfatta di Lisbona.

Fonte www.repubblica.it

Rispondi