Prima Pagina>Sport>Boxe, a Pontedera l’ultimo saluto a Sandro Mazzinghi. L’omaggio di Nino Benvenuti
Sport

Boxe, a Pontedera l’ultimo saluto a Sandro Mazzinghi. L’omaggio di Nino Benvenuti

PONTEDERA – Pontedera ha dato l’ultimo saluto a Sandro Mazzinghi. Si sono svolte al Duomo le esequie del grande campione, sabato scorso all’età di 82 anni. Presenti non solo tantissime persone del mondo della boxe, dello sport, ma anche molti sui concittadini. In rappresentanza della FPI, il segretario Generale Alberto Tappa, il Consigliere federale, Sergio Rosa, e il tecnico dello Staff delle Nazionali, ex iridato dei

Advertisements
pesi medi, Sumbu Kalambay. Da segnalare che ieri (23/8) Nino Benvenuti è andato a rendere omaggio al suo amico/rivale. il campione istriano si è recato presso la camera ardente di Mazzinghi, restando parecchi minuti davanti al corpo del grande Sandro quasi a volerlo stringere in un ultimo abbraccio da ring. Benvenuti si è poi fermato a parlare con i familiari di Mazzinghi pria di ripartire per Roma.

Advertisements

“Il bacio di Nino Benvenuti a babbo ha un significato forte che testimonia ancora una volta il grande rispetto che c’è sempre stato tra loro. E’ un gesto che ci ha emozionato tutti in famiglia “. Così David, uno dei figli di Mazzinghi, ha commentato la visita, domenica, alla camera ardente di Nino Benvenuti, storico avversario sul ring del padre. “Ci aspettavamo la visita da parte di Benvenuti e della moglie, che appena appresa della morte di nostro padre ci hanno telefonato e ci hanno preannunciato la loro visita. Una cosa che testimonia il profondo rispetto che c’era tra loro come quando si chiamavano Alessandro e Giovanni anche se per tutti erano Sandro e Nino”.

Benvenuti, come riportano anche i giornali locali, ha salutato nella chiesa del Crocifisso di Pontedera per l’ultima volta l’amico e rivale, anche con un bacio sulla fronte e un tocco a pugno chiuso sul dorso delle mani conserte di Mazzinghi, alla maniera dei pugili. Nino Benvenuti, che si è trattenuto mezz’ora, ha lasciato una dedica sul registro delle visite: “Caro Sandro ti ho visto per l’ultima volta, credimi che mi ha fatto felice”.
 Fonte www.repubblica.it

Rispondi