Sofia Kenin e Anna-Lena Friedsam si giocherammo il titolo nella prima edizione del WTA di Lione. La vincitrice dell’Australian Open ha piazzato 29 vincenti e retto ai 22 ace della belga Alison Van Uytvanck in semifinale. Ha chiuso 7-6(5) 6-7(2) 7-6(2) grazie anche a una notevole aggressvità in risposta contro la seconda di servizio dell’avversaria.

Kenin ha così raggiunto la seconda finale dell’anno, dove incontrerà la sorpresa del torneo, la tedesca Friedsam, che ha sorpreso la testa di serie numero 7, Daria Kasatkina, 6-3 3-6 6-2. “E’ splendido, tutto il duro lavoro di questi anni ha pagato” ha detto la tedeaca, battuta in entrambi i precedenti confronti diretti datati 2016, prima di una lunga assenza per un infortunio alla spalla. Friedsam torna dunque in una finale WTA per la prima volta da Linz 2015, quando perse contro la russa Anastasia Pavlyuchenkova.

A Lione, la tedesca ha eliminato al primo turno Komardina, negli ottavi la seconda testa di serie Kiki Mladenovic e nei quart Kuzmova in rimonta: non vinceva tre partite di fila in un torneo WTA dall’Australian Open 2016. In finale, cercherà di cancellare lo 0-5 nelle sfide in carriera contro una top 5.

Kenin ha invece battuto la qualificata Cristian al secondo turno recuperando un set e un break di svantaggio, prima di piegare ancora al terzo set Dodin nei quarti. Il successo su Van Uytvanck l’ha proiettata alla sesta finale WTA in carriera e aun ruolo di favorita per la conquista del suo quinto titolo.

Intanto, la campionessa in carica a Indian Wells, Bianca Andreescu, ha annunciato il suo forfait. Assente dalle WTA Finals 2019 per un problema al ginocchio, la canadese rimanda ancora il suo rientro in campo

“Non sono ancora al 100%” ha dichiarato la canadese, prima wild card a vincere il torneo Premier Mandatory e più giovane campionessa dal 1999. “Vorrei ringraziare tutti per il costante supporto, le vostre parole mi hanno fatto bene. Sono delusa di non poter esserci, sono concentrata sul mio percorso di recupero. Sto lavorando duro per rientrare il prima possibile”.

Rispondi