Prima Pagina>Sport>Liverpool esagerato, alla Roma non resta che ripetere la rimonta
Sport

Liverpool esagerato, alla Roma non resta che ripetere la rimonta

I Reds segnano cinque gol con doppiette dell’ex Salah e di Firmino, nel finale Dzeko e Perotti su rigore riducono il passivo. Risultato pesante, ma all’Olimpico i giallorossi hanno già mostrato miracoli…

Brutta avventura per la Roma ad Anfield: 5-2 dei Reds di Liverpool nella semifinale di andata in Champions League. E allora, grazie ai due gol giallorossi, non resta che appellarsi all’impresa con il Barcellona e immaginare un’altra grande rimonta.

Intanto ieri sera la squadra di Di Francesco ha subito l’estro della stella Salah, l’ex da rimpiangere. Sul pesante 5-2 per il Liverpool c’è per due volte la firma dell’ex già prima dell’intervallo, sia pure senza esultanza. Poi due assist, di fronte a una Roma che si squaglia e rimedia una ripassata memorabile, prima di rialzare un po’ la testa sui titoli di coda. 

E pensare che Kolarov scuote la traversa di Karius con un sinistraccio in avvio. Per una mezz’oretta Di Francesco pare aver indovinato le mosse. Ma fino all’intervallo, il Liverpool ha dieci occasioni. Che si concretizzano in due reti, una terza annullata per fuorigioco di Mané, una traversa di Lovren e almeno tre paratone di Alisson. 

L’unica brutta notizia per Klopp nel primo tempo è il grave infortunio a Oxlade-Chamberlain (lo rileva Wijnaldum), Di Francesco prova a porre rimedio inserendo Schick a inizio ripresa, al posto di un timoroso Ünder. La Roma è ancora sotto shock e il 3-0 di Mané (56’), viziato da un fuorigioco di partenza di Salah, chiude i giochi. Firmino si sente in dovere di far compagnia ai partner d’attacco nel tabellino dei marcatori e insacca il quarto e il quinto gol.

Klopp toglie Salah a un quarto d’ora dal termine, ma il match non è finito. Dzeko ha ancora voglia di segnare in un grande palcoscenico di Champions, 5-1. E Perotti, entrato per Juan Jesus, calcia un rigore perfetto, concesso per “mani” di Milner sul tentativo di Nainggolan. È 5-2.

Rispondi