Prima Pagina>Sport>Milan, Pioli: ”Importante partire bene, Paquetà in uscita”
Sport

Milan, Pioli: ”Importante partire bene, Paquetà in uscita”

MILANO – “Per puntare ai primi quattro posti dobbiamo partire bene, è fondamentale: non si può sempre rincorrere”. Stefano Pioli non vuole false partenze parlando dell’impegno del suo Milan, lunedì sera contro il Bologna.

“Mai arrendersi e migliorarsi sempre”

“Mai arrendersi e migliorarsi sempre”, sarà questo il motto della stagione dei rossoneri. Ma per parlare di scudetto, secondo Pioli è troppo presto: “Non lo so, difficile rispondere adesso a queste domande, dobbiamo continuare a crescere e dimostrare di essere una squadra forte. I pronostici sono fatti spesso per essere smentiti, il Milan negli ultimi due campionati ha perso

Advertisements
la prima e dobbiamo puntare a vincere”. Sicuramente dopo l’ottimo rendimento post lockdown l’asticella si è alzata: “Avere pressioni è un privilegio. Vuol dire aver raggiunto certi livelli. Il nostro obiettivo è migliorare la passata stagione. Siamo una squadra che deve essere ambiziosa, siamo il Milan, ma siamo un gruppo molto giovane che ha ampi margini di miglioramento”.

Advertisements

“Rebic importantissimo, Paquetà in difficoltà”

Pioli parla poi dei singoli, in maniera diametralmente opposta quando si fanno i nomi di Rebic e Paquetà. Il croato, squalificato in Europa, torna a disposizione: “E’ un giocatore importantissimo per noi, ha qualità, forza fisica, profondità. Completa il nostro reparto offensivo, ha patito il fatto di non poter aver giocato in Europa, è pronto e preparato per dare supporto alla squadra”. Decisamente diversa la situazione del brasiliano: “Paquetà ha qualche difficoltà per le posizioni che prendiamo in campo, è un giocatore con caratteristiche particolari, vediamo cosa ci dirà il mercato”. Possibile spazio per Tonali e Brahim Diaz: “Li vedo già bene inseriti, sanno già cosa fare nel nostro sistema di gioco, mi auguro di potergli dare il prima possibile più minutaggio. Giocheremo tante partite”.

Fonte www.repubblica.it

Rispondi