Prima Pagina>Sport>Milan, Raiola: ”Ibrahimovic non va al raduno. Questione non di soldi ma di stile”
Sport

Milan, Raiola: ”Ibrahimovic non va al raduno. Questione non di soldi ma di stile”

MILANO – “Zlatan Ibrahimovic non sarà presente lunedì al raduno del Milan”. L’annuncio è di Mino Raiola, agente del 38enne attaccante svedese, che tuttavia resta fiducioso sul buon esito della trattativa, nonostante non abbia risparmiato qualche stoccata al club rossonero: “Non è una questione di soldi ma di convinzione, di stile, di tante cose. Ottimista? Bisogna esserlo, sennò non si va avanti”.

“Al lavoro per trovare una soluzione”

La stagione di Donnarumma e compagni inizierà ufficialmente lunedì 24, con i rossoneri in anticipo rispetto a tutte le altre squadre per preparare gli impegni di Europa League. L’ottimo finale di stagione della squadra e la conferma di Pioli lasciavano presagire una fumata bianca più semplice con Ibrahimovic, invece la trattativa va per le lunghe. L’accordo però non sembra così lontano: “Dico sempre che la trattativa finché è in trattativa è già un buon punto, stiamo parlando ma non abbiamo ancora un accordo – aggiunge Raiola a Sky Sport -. Il matrimonio si fa in due, se Ibra non voleva rimanere non c’era una trattativa. E una trattativa c’è. Io sono al lavoro per trovare una soluzione”.

“Balotelli non è finito”

Da Ibrahimovic a Balotelli, altro giocatore della scuderia Raiola. La stagione al Brescia non è stata brillantissima, non sono mancate le polemiche extra-calcistiche, tuttavia le opportunità per SuperMario non mancano. “Sicuramente Mario come giocatore non è finito, il calcio ha bisogno come l’acqua di attaccanti come lui. Credo che avrebbe ancora mercato in Italia, stiamo parlando con due squadre, ma anche all’estero c’è interesse”. Sulle polemiche con Cellino: “Abbiamo scelto la strada del silenzio – dice Raiola -. Ovviamente il mondo intero ha già un’opinione su Mario. Bisogna capire che quella è l’opinione e che solo con i fatti si può cercare di cambiarla. Il covid non ha aiutato, ma non ci lamentiamo, ci sono state persone molto più brave di Mario”. E su Pogba: “E’ ancora al centro di un progetto tecnico importante, anche negli altri anni il Manchester United non ha voluto aprire trattative. Rinnovo? Con molta calma, stiamo parlando da un po’ di tempo ma senza stress”. Chiusura su de Ligt, definito “il nuovo Rembrandt prodotto dall’Olanda. E’ un ragazzo straordinario, come persona e come atleta. Abbiamo curato l’infortunio, ha bisogno di tempo per riportarsi al livello di prima, credo che la Juve con lui abbia in mano un tesoro importante”.

Fonte www.repubblica.it

Rispondi