Prima Pagina>Sport>Napoli, Gattuso è una furia: “Italiane penalizzate in Europa”
Sport

Napoli, Gattuso è una furia: “Italiane penalizzate in Europa”

La corsa europea di Gattuso si ferma ai sedicesimi di Europa League. Allo Stadio Maradona, il Napoli supera il Granada 2-1 con le reti di Zielinski e Fabian Ruiz ma viene eliminato in virtù dello 0-2 subito all’andata in Spagna. Il tecnico azzurro è una furia: “Chi ci rappresenta deve farsi rispettare di più. In questi tre giorni ne ho viste di cotte e di crude. Se una squadra italiana si permettesse di fare quello che ha fatto oggi il Granada, usciremmo su tutte le pagine dei giornali – ha detto a Sky Sport – Nel primo tempo si è giocato 17′ di tempo effettivo, nel secondo tempo non vi dico. Bisogna avere un po’ di rispetto, l’arbitro deve andare dai giocatori e dirgli che bisogna giocare. Non si può rimanere fermi di continuo. L’arbitro deve farsi rispettare”.

Napoli nervoso e fuori dall'Europa League: passa il Granada

Guarda la gallery

Advertisements

Napoli nervoso e fuori dall’Europa League: passa il Granada

Gattuso: “Le scelte le faccio io”

Ho visto una squadra vogliosa. In questo momento bisogna avere più gente disponibile, ritrovare l’entusiasmo e il nostro gioco. Abbiamo speso tanto, tra due giorni abbiamo un’altra partita. Continuiamo e aspettiamo chi deve tornare. La squadra deve stare tranquilla. La gente deve rompere le scatole a me, non ai giocatori. Le scelte le faccio io, sono il primo responsabile. Questa è una maglia pesante, ci stiamo giocando qualcosa di importante. Da tanti mesi non si lavora più, bisogna fare di più. Il primo a pagare sono io. Loro devono pensare a dare il meglio e a mettersi a disposizione”. 

Le condizioni di Mertens e Osimhen

Se non ci deprimiamo possiamo pensare di finire tra le prime quattro. Ancora ci sono tanti punti a disposizione, dobbiamo guardare avanti e dare continuità. Ultimamente stiamo sbagliando tanti concetti. Ghoulam? Se gioca in questo modo può davvero essere un rinforzo. Oggi ha giocato con qualità, ci può dare un mano. In questo momento abbiamo però bisogno di tutti. Ce ne mancano tanti, speriamo di averli presto a disposizione. Mertens l’ho visto meglio dell’ultima partita che ha fatto, zoppicava di meno e la corsa è più fluida. A livello di condizione non è ancora al massimo. Osimhen non so se giocherà domenica, ha avuto un trauma cranico. Non dipende da noi“.

Fonte tuttosport.com

Rispondi