Prima Pagina>Sport>Pordenone-Frosinone 0-2, Ciano e Novakovich regalano ai ciociari la finale
Sport

Pordenone-Frosinone 0-2, Ciano e Novakovich regalano ai ciociari la finale

 

UDINE – Il Frosinone imita lo Spezia e con una grande rimonta a Udine contro il Pordenone centra la finale playoff di serie B. Ai ciociari, sconfitti per 0-1 all’andata allo Stirpe, serviva vincere con due gol di scarto per volare all’ultimo atto e sono riusciti nell’impresa in maniera chirurgica, imponendosi per 0-2 con un uno-due fantastico nei primi 15’ di gioco. Il Pordenone fallisce lo storico appuntamento e recrimina per un approccio sbagliato alla gara che gli è costato carissimo. Invano nella ripresa gli uomini di Tesser hanno tentato una reazione ma hanno pagato un pizzico di imprecisione di troppo.
Uno-due micidiale firmato Ciano-Novakovich
Il Frosinone torna in corsa per la qualificazione dopo appena 7’ grazie a Ciano che gira in rete di sinistro un cross basso di Beghetto. Sulle ali dell’entusiasmo la squadra di Nesta insiste e già al 15’ raddoppia con un preciso interno destro di Novakovich, smarcato in area da Rohden. Il Pordenone fatica a rialzarsi e solo nella ripresa riesce a reagire. I neroverdi si rendono pericolosi soprattutto sui calci d’angolo ma per due volte Bocalon e poi Pobega non trovano per poco lo specchio della porta.
Traversa di Szyminski, Strizzolo manca l’1-2

Il Frosinone non resta a guardare ma al 79’ fallisce di poco il colpo del ko: su un angolo di Dionisi, Paganini di testa colpisce la schiena di Szyminski che, involontariamente, gli alza il pallone sulla traversa. Il Pordenone si riversa in avanti ma manca due ghiotte occasioni, sempre di testa, con Strizzolo: sulla prima (88′) Bardi s’oppone d’istinto, sulla seconda, al 94′, manda la palla di poco alta su un altro calcio d’angolo. La squadra di Nesta stringe i denti e al 96′ legittima la qualificazione mancando lo 0-3 con Gori, lasciato a tu per tu con Di Gregorio. Il 16 agosto di fronte allo Spezia, quindi, ci sarà il Frosinone. Andata allo Stirpe, ritorno il 20 agosto al Picco.Fonte www.repubblica.it

Rispondi