Prima Pagina>Sport>Ritrovata in un solaio la rarissima figurina Panini di Egidio Salvi del Brescia
Sport

Ritrovata in un solaio la rarissima figurina Panini di Egidio Salvi del Brescia

Ritrovata in un solaio la rarissima figurina Panini di Egidio Salvi del Brescia

 Agf

Figurine Panini

Il ‘Gronchi rosa’ delle figurine Panini, la rarissima immagine di Egidio Salvi (calciatore del Brescia nella stagione di serie A 1965-66) diffusa dalla Panini per il suo album dei calciatori in poche copie perché non doveva essere stampata, è tornata alla luce in un solaio di Serravalle Scrivia nell’Alessandrino in Piemonte. L’ha trovata, come scrive La Stampa, Giuseppe Grosso, mentre riordinava alcuni album appartenuti a lui e a suo fratello. 

“Ho trovato in solaio una serie di figurine di quegli anni e in cima al blocchetto c’era proprio la figurina impossibile da attaccare”, spiega Grosso, nato a Novi ma serravallese di adozione. Ben più rara di Pier Luigi Pizzaballa, ritenuta introvabile alla stregua di quella che ritrae Faustino Goffi (edizione ’67), la figurina di Egidio Salvi è unica perché la Panini ne stampò pochissimi esemplari. Alla casa editrice modense, infatti, si accorsero di aver fatto un errore: nell’album non c’era spazio per attaccare la figurina perché Salvi nel Brescia compariva nelle riserve, cioè in quella rosa di calciatori per i quali non era prevista la fotografia. Quando la Panini se ne accorse smise di stamparla, ma alcune bustine erano già state messe in circolazione. 

Come ricorda sul quotidiano il signor Grosso, “in tanti, non potendola attaccare, la buttarono via o la usarono per giocare. Cosi’, con il tempo, di quella figurina si è persero le tracce. Negli ambienti dei collezionisti sono in pochi a poterla avere e mi risulta talmente rara da non avere un vero valore di mercato”. Giuseppe Grosso, che conserva parecchi album di figurine del periodo della sua gioventù (oggi ha 62 anni) ha fatto una ricerca su Facebook: “Ho chiesto ai gruppi di settore qualche informazione e alcuni massimi esperti mi hanno confermato che e’ introvabile, alcuni addirittura dicono do non averla mai vista”. 

Le figurine più rare

Chi tra i ragazzi rigorosamente appartenenti alla generazione non Millennial non ha mai tentato di complterare un album dei calciatori? Un gioco per molti, che col tempo è diventato anche un business. Quelle figurine, infatti, scambiate o giocate in classe tra ragazzi, oggi sono diventate preziose. Almeno alcune di esse. Se la più rara e ritenuta praticamente introvabile è il ‘Gronchi rosa’ Egidio Salvi, ce n’è un’altra altrettanto rara: la foto che ritrae Faustino Goffi con la maglia del Padova (edizione ’67-’68), una figurina della Panini venduta su eBay per 121 euro che attualmente è la cifra più cara mai pagata per una sola figurina Panini.

Alcuni dei ritratti dei calciatori più difficili da trovare nei pacchetti che i ragazzini andavano a comprare fino agli anni ’90 sono famosi, come per quella che viene definita (erroneamente) la figurina più rara di tutte: quella di Pier Luigi Pizzaballa, storico portiere dell’Atalanta fra gli anni ’60 e ’80. La sua è stata per anni la figurina numero 1 dell’album (la squadra bergamasca è solitamente la prima, in ordine alfabetico, e nelle pagine dell’album Panini il primo calciatore ritratto è sempre il portiere), per questo ricercatissima (invano).

C’è poi l’accoppiata Rizzo-Riva al Cagliari nella stagione 1963-64, per lungo tempo la figurina più quotata su Ebay: 110 euro. Altra figurina rarissima è quella di un giovanissimo Gianni Rivera che, dopo l’esordio a 15 anni con l’Alessandria, è passato a 17 anni al Milan: questo primo scatto per l’album Panini in maglia rossonera è considerato introvabile. Ma non finisce qui: altra figurina rarissima è quella di Teobaldo Depertini di Casale Monferrato, che nella stagione 1967-68 era il terzino sinistro del Livorno, in Serie B. Dopo Pizzaballa, un altro portiere detiene il primato della rarità nelle figurine Panini: Pietro Battara della Sampdoria: la sua figurina era ricercatissima nella stagione 1968-69.

Altro introvabile è Sergio Maddè dell’Hellas Verona: cresciuto nel Milan, tornò a Verona arrivano ad allenare pure la prima squadra nel ’98 e nel 2003. Ci sono poi Antonello Cuccureddu della Juventus (stagione 1973-74); Lamberto Boranga, portiere di Foligno e cresciuto nel Perugia, acquistato a 31 anni dal Cesena; Vinicio Verza, arrivato alla Juve all’inizio degli anni 80 e riserva di Causio: la sua figurina della stagione 1979-80 è una delle più ricercate della storia.

Capitolo a parte nella storia delle figurine Panini, infine, meritano quelle realizzate perla stagione 2009-2010 quando la casa editrice modenese ha deciso di far firmare 50 figurine a 12 calciatori di Serie A (per un totale di 600 card autografate): su eBay alcune sono state vendute addirittura a 1.500 euro.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi