Prima Pagina>Sport>Scalata, grande impresa di Fernanda Maciel: Gran Paradiso e Cervino in un solo giorno
Sport

Scalata, grande impresa di Fernanda Maciel: Gran Paradiso e Cervino in un solo giorno

CERVINIA – Il 20 agosto scorso, l’ultra runner Fernanda Maciel ha completato una doppia scalata da record sulle Alpi italiane, riuscendo, in un solo giorno, a realizzare il miglior tempo femminile nell’ascesa del Gran Paradiso, per poi scalare anche il Cervino.

Advertisements

Migliorato il precedente record

L’atleta brasiliana, che tre anni fa sul Cervino a causa di un incidente aveva avuto gravi problemi agli occhi per via

Advertisements
del freddo, e che, sempre lì, lo scorso anno aveva perso in un altro incidente l’amico Gonzalo Vilchez, ha superato le proprie paure completando l’impresa il giorno prima che una frana intrappolasse 25 scalatori sulla montagna. Arrampicandosi in solitaria senza corda, Fernanda Maciel ha raggiunto i 4.061m della cima del Gran Paradiso in sole due ore e 40 minuti, per completare poi il percorso totale in quattro ore e tre minuti, migliorando così il precedente record, che già le apparteneva. Una sfida con sé stessa che, immediatamente dopo, l’ha spinta fino a Cervinia, dove Fernanda ha scalato i 4.478m del Cervino su una via con un grado di difficoltà IV.

“Ho pianto ricordando il passato”

Dopo l’impresa Fernanda era comprensibilmente emozionata: “Ho cercato di scalare il Cervino per molti anni, ed ero molto spaventata, ma queste montagne per me rappresentano una sfida fisica, emotiva e spirituale, e volevo compiere questa impresa come un unico progetto di corsa in montagna. Ho pianto molto in cima, ricordando il mio passato. Non riuscivo a credere di essere arrivata sulla vetta del Gran Paradiso con 40 minuti di anticipo sul mio record precedente, e di aver poi raggiunto la sommità del Cervino dopo aver affrontato le mie paure e emozioni. Spingere il mio corpo al limite correndo sui ghiacciai del Gran Paradiso è stato difficilissimo, ma la vera sfida è stato il Cervino, perché la paura che avevo mi bloccava. È una montagna molto pericolosa, con roccia esposta e terreno ghiacciato, il che ce la fa rispettare ancora di più. Sono davvero felice, è incredibile essere riuscita a completare queste vie alpine dato che non sono un’alpinista”.

Fonte www.repubblica.it

Rispondi