Prima Pagina>Tecnologia>Come cambierà Twitter
Tecnologia

Come cambierà Twitter

Come cambierà Twitter

Meno evidenza al conteggio dei follower, uno stile ispirato al mobile anche su pc e un nuova icona per le faccine: sono le novità del nuovo Twitter. È già stato aperto ad alcuni utenti e sarà presto allargato a tutti gli altri.

Follower “a scomparsa”

La pagina diventa più essenziale, con il passaggio da tre a due colonne. Nella versione attuale, infatti, una è dedicata alle informazioni sul profilo e ai trend, quella centrale al flusso di tweet e la terza ai suggerimenti su chi seguire. Nel nuovo Twitter, ci sono tre blocchi su due colonne: la prima ha in cima lo spazio per il nuovo cinguettio, sotto il quale scorre il feed. A destra si piazzano suggerimenti e hashtag di tendenza. Scompare quindi dalla propria homepage il conteggio in tempo reale dei follower, delle persone che seguiamo e dei tweet. Non sono stati aboliti, ma solo nascosti: per visualizzarli è necessario cliccare sul proprio nome, in alto a destra. Si apre una colonna a scomparsa, che include le informazioni sull’account.

La modifica (già applicata su mobile) è coerente con quanto detto dal ceo di Twitter Jack Dorsey negli ultimi mesi: il social avrebbe dovuto rivedere il “sistema degli incentivi”, che “non sono più corretti”. In sostanza, il conteggio di follower e like, sempre sotto gli occhi dell’utente, condizionerebbe le conversazioni perché “esprime un punto di vista su ciò che vogliamo che le persone facciano”. Cioè incentiverebbe spesso la circolazione di contenuti divisivi a scapito di un dibattito costruttivo. Numeri di follower e degli account seguiti continuano a comparire nel nostro profilo accessibile agli altri iscritti. Oltre alla foto utente, presente anche nella homepage, resistono l’immagine di copertina e la breve descrizione. Anche la pagina “profilo” riduce le colonne da due a tre. 

Come cambierà Twitter

Emoji e nuove icone

L’altra novità riguarda alcuni accorgimenti sulla pubblicazione e la gestione dei tweet. Cliccando sulla consueta sezione “Che c’è di nuovo?” si apre una finestra, con un nuovo stile più colorato, che occupa il centro dello schermo. L’utente, come al solito, può scrivere il suo tweet, aggiungere un sondaggio, una foto o una gif. Ma in più può usufruire di una “faccina”: la nuova icona si trova nell’angolo in basso a destra. Con un clic si apre l’elenco delle emoji disponibili. Arrivano poi su desktop due funzioni già presenti nella versione mobile: nell’area in cui si scrive il tweet, c’è il tasto “+” che permette di spalmare un intervento su più cinguettii e di pubblicarli in contemporanea. Un espediente per scavalcare di fatto il vincolo dei 280 caratteri.

Cambia anche la quarta icona che accompagna ogni post che vediamo scorrere nel flusso. Nella versione attuale, “rispondi”, “retweetta” e “mi piace” sono affiancate da una busta da lettera che permette l’invio di un messaggio diretto. Nella nuova grafica viene sostituita (come già sugli smartphone) da un’icona multifunzione. Cliccando si apre un menu “a tendina” che permette tre azioni: inviare un messaggio diretto, copiare il link del tweet o inserirlo nei segnalibri (il proprio archivio personale).

Come cambierà Twitter

Twitter, moto continuo

Non c’è neppure in questo restyling il tanto invocato tasto “correggi”, che permetterebbe di modificare i tweet dopo l’invio. La funzione è allo studio, ma la società ci va piano: “Non possiamo creare qualcosa che esclude informazioni di dominio pubblico”, aveva spiegato Dorsey lo scorso novembre. Sarebbe uno strumento comodo per correggere un innocente refuso ma va soppesato per evitare colpi di spugna sui tweet passati. Non si tratta comunque di una bocciatura definitiva. Twitter è in continuo aggiornamento, come dimostra una nuova versione beta già in lavorazione.  

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.

Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.

Rispondi