Prima Pagina>Tecnologia>Coronavirus: ‘in campo’ il bosone di Higgs
Tecnologia

Coronavirus: ‘in campo’ il bosone di Higgs

 

(ANSA) – ROMA, 3 APR – Contro il nuovo coronavirus scende in campo la potenza di circa 30.000 unità di calcolo che lavorano in parallelo, analoga a quella utilizzata per scoprire il bosone di Higgs: l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) l’ha messa a diposizione delle ricerche condotte da Sibylla Biotech, spin-off della stessa Infn e delle università di Trento e Perugia, per studiare in dettaglio uno dei principali bersagli del virus SarsCoV2, il recettore Ace2 che si trova sulla superficie delle cellule del sistema respiratorio umano.

L’obiettivo di quello che viene chiamato ‘Urgent Computing’ è riuscire

Advertisements
a bloccare il virus prima che entri nelle cellule neutralizzando il suo cavallo di Troia, la proteina Spike, utilizzando una tecnologia che studia il comportamento delle proteine in modo completamente nuovo e in tempi rapidi. Si cercano così molecole capaci di interferire con il recettore Ace2 impedendo al virus di entrare nelle cellule.
   

Advertisements

Fonte

Rispondi