Primi esperimenti di BMW per la guida automatica anche per le motociclette, per aumentare la sicurezza delle moto convenzionali. Alcune moto moderne sono già equipaggiate con ABS, controllo di trazione e altre tecnologie di assistenza alla guida

Le auto a guida automatica sono rapidamente passate da un’idea lontana a una realtà. Adesso un costruttore di auto tedesco ha costruito una moto a guida automatica – una moto che può accendersi, accelerare sterzare e frenare fino a fermarsi, tutto senza un pilota.

Nessuno sta cercando di riempire le strade con motociclette senza pilota.  Piuttosto, BMW vede nelle moto a guida automatica  un banco di prova per delle tecnologie che potrebbero migliorare la sicurezza e la manegevolezza delle moto convenzionali.

“Noi vogliamo insegnare alle motociclette come si guida una moto,” dice Stefan Hans, l’ingegnere che guida il progetto della motocicletta a guida autonoma per BMW Motorrad, la divisione motociclistica della società.

La moto a guida autonoma della BMW assomiglia al modello da 22.000 dollari  R 1200 GS su cui si basa, eccezion fatta per i bauletti che sono montati sopra e a fianco alla ruota posteriore in cui sono riposti i computer per la guida autonoma e altri componenti elettronici. Un’antenna radio montata sul retro riceve istruzioni dagli ingegneri e manda in tempo reale dati sulle prestazioni della motocicletta e il sui sistema di guida automatica.

“La motocicletta è guidata attraverso un piccolo attuatore elettromeccanico sviluppato dal team del progetto – spiega Hans – con cui insieme ad altri attuatori controlla l’accelerazione, la frizione, le marce e i freni. Non ci sono sensori per rilevare ostacoli sul suo percorso, visto che la motocicletta viene testata solo nella pista vicino alla sede BMW di Monaco”.

Alcune moto moderne sono già equipaggiate con ABS, controllo di trazione e altre tecnologie di assistenza alla guida che sono comuni nelle automobili. Ma con questi sistemi “il pilota deve agire per prima e il sistema può ridurre la pressione sui freni o la coppia del motore se diversamente la moto diventerebbe instabile” afferma Hans. “Sono convinto  che  i sistemi futuri dovrebbero essere in grado di guardare avanti qualche secondo e informare, avvisare o intervenire prima che la situazione diventi pericolosa.”  I motociclisti daranno il benvenuto a queste tecnologie? Zack Court, un giornalista motociclista che conduce uno show su Motor Trend channel, non è così sicuro.

moto bmw

“Penso che ci saranno molti piloti che odieranno l’idea di una moto che tenta di predire tutto,” ha dichiarato Courts alla NBC News MACH in una mail. “Poi ancora, c’erano e ci sono, molti piloti senza fiducia nell’ABS o controllo di trazione, anche quando sono buoni sistemi di sicurezza da avere. … Ho imparato che anche le tecnologie che non sono perfette subito, hanno il potenziale per mantenerci più sicuri.”

Hans ha rifiutato di fornire dettagli sui piani della BMW per lo sviluppo delle nuove tecnologie, affermando solo che era molto fiducioso che il lavoro in corso sulla motocicletta autonoma condurrà a cambiamenti nelle motociclette convenzionali.

Tradotto da www.nbcnews.com

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *