Prima Pagina>Tecnologia>Hai versato caffè sulla tastiera del portatile? Ecco come puoi rimediare
Tecnologia

Hai versato caffè sulla tastiera del portatile? Ecco come puoi rimediare

E così, vi è capitato di versare del liquido sul portatile. Che abbiate messo il bicchiere troppo vicino alla tastiera, o che gli abbiate distrattamente sferrato una botta, le conseguenze disastrose non cambiano, e in questo momento è probabile che starete cercando di capire come rimediare.

E’ importante osservare, innanzitutto, che se il notebook si bagna, è importante agire prima possibile. E’ indispensabile spegnerlo, scollegarlo e togliere la batteria immediatamente. Ogni secondo è fondamentale. Non preoccupatevi di eseguire i passi corretti per spegnerlo: procedete semplicemente premendo il pulsante di alimentazione fino a quando la macchina si spegne.

Se non l’avete ancora fatto, smettete di leggere e fatelo adesso, prima di continuare. E accettate il fatto che il computer  resterà probabilmente inutilizzabile per qualche giorno.

Vuoi navigare senza limiti a 1 Gigabit con la vera fibra ottica? Verifica se la tua zona è coperta e scopri l’incredibile tariffa di Tiscali UltraFibra Giga!

Se il portatile è molto bagnato

Fase 1: Rimuovete tutti  i componenti facilmente distaccabili.  Staccate mouse e cavi, togliete chiavette USB e DVD. Lasciate spoglio il notebook.

Fase 2: Asciugate la parte esterna del computer. Aprite il notebook, capovolgetelo e asciugate qualsiasi superficie umida con un panno o un altro tessuto assorbente che non faccia pelucchi. Il tipo di liquido è importante: l’acqua è la meno corrosiva, mentre i liquidi contenenti zucchero (come, di solito, un caffè) e alcool sono i più dannosi.  Ad ogni modo, l’obiettivo è quello di mitigare gli effetti nefasti il più possibile asciugando il computer immediatamente.

Fase 3: A questo punto, provate ad accenderlo. Se sembra completamente morto, vi suggeriamo di cercare di far valere la garanzia  (se non è scaduta) o portare il pc in un centro assistenza.

Se intendete fare qualche altro tentativo prima di farlo vedere da un esperto, continuate a leggere. Ovviamente decliniamo qualsiasi responsabilità se qualcosa dovesse andare storto! 🙂

Mentre i portatili di qualche anno fa potevano essere aperti facilmente e si potevano anche rimuovere dei componenti, oggi non è più così. Non vi consiglieremmo di tentare di fare chissà che, a meno che la vostra macchina non vi consenta di farlo agevolmente, perchè è molto facile danneggiare un notebook mettendoci le mani, e l’ultima cosa che vogliamo fare è peggiorare la situazione.

Ciò detto, ecco alcuni passi che si possono intraprendere se il notebook lo consente.

1) Se non lo avete ancora fatto, togliete la batteria. Di solito lo si può fare premendo un interruttore o un pulsante posto al di sotto del portatile.

2) Se siete preoccupati che il liquido si sia cosparso in tutto lo chassis, su componenti come memoria e hard disk, potete rimuovere anche quelli. In alcuni portatili troverete dei pannelli che permettono di rimuoverli nella parte inferiore. Nella maggior parte dei casi vi servirà comunque un cacciavite. Per la memoria dovrete fare pressione sulle clip laterali per espellere ciascun banco. Per togliere l’hard disk o l’SSD dovrete probabilmente togliere qualche vite per staccarlo dallo chassis. Togliete con cura sia i cavi di alimentazione che il cavo dati.

3) Esaminate ciascun componente per verificare se è ancora umido o, peggio, corroso. Qualsiasi parte umida dovrebbe essere asciugata, ma se il liquido non è acqua è meglio toglierlo con un cotton fioc imbevuto di alcool isopropilico al 99%, in grado di sciogliere le sostanze vischiose senza causare danni ed evaporare senza lasciare residui.

4) Una volta finito, sarà meglio lasciare tutto ad asciugare all’aria per due o tre giorni in un posto caldo e asciutto. Un ventilatore potrà essere d’aiuto. Non usate un asciugacapelli perchè potrebbe causare problemi di elettricità statica.  Quando ai componenti avrete dato un tempo sufficiente per asciugarsi potete riassemblare il portatile e vedere se funziona. In caso contrario, sarà indispensabile ricorrere a un centro assistenza, purtroppo.

E se il portatile non si può smontare?

Che succede se il portatile è un MacBook o un Surface Book 2, oppure è un altro notebook che non si riesce a smontare? In questo caso è inutile tentare di forzare lo chassis, si farebbero sicuramente dei danni.

Prima di portarlo al centro assistenza, però, una cosa utile si può fare: tenerlo al contrario, asciugando con un panno il liquido che dovesse scolare. Poi, meglio poggiarlo su una superficie asciutta, come un letto di riso, che riesce ad assorbire abbastanza qualsiasi liquido si fosse insinuato nella tastiera.

Consigli per il futuro

Per proteggere il notebook da eventuali futuri disastri, la cosa migliore è acquistare una cover trasparente in silicone (o plastica) impermeabile per la tastiera. Potete anche usare una buona borsa per notebook. Attenti a non coprire i fori di ventilazione, però, e usate le forbici per tagliare la cover se necessario per assicurarvi che i fori della ventilazione restino liberi da ingombri.

Rispondi