(ANSA) – CAGLIARI – Un prototipo che sfrutta il riconoscimento facciale e la realtà aumentata per navigare tra le informazioni delle cartelle cliniche. Pensato per l’utilizzo in corsia, in modo da non impegnare le mani dei medici con altri dispositivi. In sintesi, tramite il riconoscimento facciale, l’applicazione identifica il paziente, permettendo al medico di visualizzare le informazioni della sua cartella clinica come ologrammi direttamente sul corpo del paziente.

É il progetto che Vittoria Frau, studentessa del corso di laurea magistrale in Informatica dell’Università di Cagliari, ha sviluppato come progetto finale del corso di User Interface Technologies tenuto dal ricercatore Davide Spano. E proprio lei è stata scelta per partecipare a un importante evento internazionale per il supporto alla ricerca svolta da studentesse in Computer Science: parteciperà al congresso WomENcourage, l’evento internazionale che comincia lunedì 16 settembre a Roma.

Rispondi