Salta al contenuto principale
  • BUONGIORNO ITALIA! Non gettare sugli altri la tua responsabilità; è questo che ti mantiene infelice. Assumiti la piena responsabilità. Ricorda sempre: io sono responsabile della mia vita. Nessun altro è responsabile; pertanto, se sono infelice, devo scrutare nella mia consapevolezza: qualcosa in me non va, ecco perché creo infelicità tutt’intorno a me – OshoOsho

Aprile nella Città Eterna: Trastevere vi aspetta

di a.d.
Un dopo Pasqua eccezionale alla scoperta degli aspetti meno conosciuti del quartiere più popolare, sapido e verace della Città Eterna
Roma
Il Tevere a Roma

Si chiama “Trastevere a porte aperte” la bella iniziativa di Turismo Culturale Italiano, che si svolgerà a Roma dal 3 al 30 aprile e che  prevede l'apertura di chiese, palazzi, ville e giardini dello storico quartiere, eternato da mille film e tra i più popolari e intriganti rioni della Capitale che conserva ancora oggi angoli e scorci intatti.

Il programma nella sua interezza dura fino al 30 aprile e su articola in tanti tour che raccontano la storia del rione: ecco gli appuntamenti della settimana che segue la Pasqua.

Martedì 3 Aprile alle 10.15 : la Chiesa e il Chiostro di Sant'Onofrio al Gianicolo.     

 La chiesa dei Cavalieri dell'Ordine del Santo Sepolcro di Gerusalemme risale al 1439 e di quell'epoca conserva, ancora in parte visibile, la struttura gotica. Custodisce alcuni affreschi eseguiti da Antoniazzo Romano, Baldassarre Peruzzi e Annibale Carracci. Nel chiostro, piccolo e grazioso, sono affrescate le storie di sant'Onofrio eseguite dal cavalier d'Arpino e da aiuti.        

Martedì 3 Aprile alle 15.45  San Giovanni dei Genovesi -  ( apertura straordinaria)

San Giovanni dei Genovesi
San Giovanni dei Genovesi

 Trastevere custodisce le memorie della Repubblica genovese a Roma all'interno del bel complesso dedicato al Battista, fondato nel 1482 da Meliaduce Cicala per ospitare i suoi connazionali bisognosi di assistenza. Visiteremo la chiesa, la cappella di santa Caterina, l'oratorio con gli affreschi del XVI secolo riscoperti casualmente nel 1975 e il bellissimo chiostro rinascimentale con pilastri ottagonali in travertino con l'iscrizione della prima palma piantata nel ‘400, un bel giardino, materiali lapidei della vecchia chiesa e una vera da pozzo.             .

 

 

Mercoledì 4 Aprile alle 10.45,   Trastevere Segreta: la Chiesa di San Pasquale Baylon

San Pasquale
San Pasquale Baylon

 La Chiesa, nota anche come chiesa “delle Zitelle", in quanto il santo è il "protettalledelle fanciulle e delle donne in cerca di marito”, fu edificata da Callisto II nel 1122 e consacrata ai Quaranta Martiri di Sebaste; nel 1608 fu trasformata dalla Confraternita del Gonfalone e nel 1736 fu ceduta ai Padri Minori Scalzi di San Pietro d'Alcantara, che la ricostruirono tra il 1739 ed il 1747, su progetto di Giuseppe Sardi, con nuova dedica a San Pasquale Baylon. La chiesa fu posta sotto la Corona di Spagna, con decreto reale di Filippo V del 1738 e di Isabella II del 1856, e oggi come allora vi risiede l'Ordine dei Frati Minori spagnoli.    

 

Giovedì 5 Aprile alle 9.45 villa Lante al Gianicolo (apertura straordinaria)  

Villa Lante
Villa Lante

 Costruita secondo tradizione sui resti della villa di Marziale, la villa venne progettata da Giulio Romano per Baldassarre Turini da Pescia, influente e ricco uomo della Curia pontificia romana. Le decorazioni vennero realizzate da Giovanni da Udine, Valentin de Boulogne e più tardi da Antonio Canova. La loggia con le celebri arcate serliane offre un emozionante panorama su Roma. Le sale conservano splendidi affreschi e un graffito realizzato dai Lanzichenecchi nel 1527 durante il Sacco di Roma. Passata ai Lante e ai Borghese è oggi sede dell'Institutum Romanum Finlandiae.          

 

Venerdì 6 Aprile 2018 alle 15.45 , La Chiesa di Santa Maria della Scala  

Edificata sul finire del XVI secolo per conservare l'importante icona della Madonna della Scala, la chiesa fu terminata nel 1610 e affidata con la bolla Sacrarum Religionum ai Carmelitani Scalzi. L'interno, a un'unica navata e con tre cappelle per lato, custodisce opere d'arte dei maggiori artisti dell'epoca, quali il Rainaldi, Carlo Saraceni e Cavalier d'Arpino. Vi era esposta la splendida tela di Caravaggio raffigurante “La Morte della Vergine”, considerata indecente e per questo purtroppo rivenduta. Marmi, stucchi, lampadari: tutto parla di un antico splendore.  

Sabato 7 Aprile 2018 alle 9.45 La Chiesa di San Pietro in Montorio e il Tempietto del Bramante          

San Pietro in Montorio
San Pietro in Montorio

               

 La chiesa di San Pietro in Montorio sorge lungo i clivi del Gianicolo ed è un vero e proprio scrigno di tesori del XVI e XVII secolo: Baldassare Peruzzi, Giorgio Vasari e Gianlorenzo Bernini sono solo alcuni degli artisti che hanno lavorato nella chiesa. Al centro del chiostro si trova il celeberrimo Tempietto del Bramante, edificato sul luogo dove la tradizione vuole sia stato crocifisso San Pietro. Edificato per volontà dei sovrani spagnoli, Ferdinando d'Aragona e Isabella di Castiglia, il tempietto, frutto di un'attenta analisi dell'antico, nel tempo studiato da generazioni di architetti.             

 

 Domenica 8 Aprile alle 10.45  -  Il Giudizio Universale del Cavallini a Santa Cecilia in Trastevere

Giudizio Universale del Cavallini
Giudizio Universale del Cavallini

 

Un importante excursus artistico volto alla ricostruzione filologica della basilica medievale di Santa Cecilia in Trastevere dove, nel coro delle monache, ubicato in controfacciata, si conserva l'affresco raffigurante il Giudizio Universale, eseguito nel XIII secolo da Pietro Cavallini. Rappresenta una tra le maggiori testimonianze della pittura medievale a Roma. Nonostante le trasformazioni avvenute per la realizzazione del coro, l'impianto pittorico conserva ancora, forti e vibranti, i colori originali e buona parte dell'impianto pittorico.          

 Domenica 8 Aprile alle15.45 ,  San Crysogono e i suoi sotterranei

 I recenti lavori hanno portato alla luce tutta l'antica area d'accesso alla basilica del IV secolo. Strutture murarie d'epoca classica e medievale, pavimenti a mosaico, sepolcri e tombe sono visibili grazie ad un comodo percorso. Si visiterà l'intero complesso sotterraneo dell'antica basilica, con gli affreschi, da quelli romani a quelli di San Benedetto, eseguiti dall'VIII al X secolo, il deambulatorio, il battistero e la navata. Si è dunque portata alla luce una tra le più antiche testimonianze della fede cristiana di Trastevere e di Roma. Un appuntamento da non perdere

A.D.