FIRENZE E DINTORNI: I LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DA VISITARE

Settembre e ottobre sono i mesi ideali per una gita fuori porta

Firenze è una delle città più belle del mondo e i suoi dintorni non sono da meno: castelli medioevali, torri e palazzi rinascimentali si alternano a boschi, filari di vigne e uliveti, uno spettacolo unico al mondo che fa innamorare chiunque lo osservi. A circa un’ora dal centro di Firenze, tra i Colli del Chianti e della Val d’Orcia sorge San Gimignano, una piccola cittadina fortificata famosa per la sua architettura trecentesca e per le sue immense torri medioevali che dominano il paesaggio e che sono diventate il tratto caratteristico del borgo tanto da ridefinirlo come “la città delle belle torri”. La cittadina toscana conobbe un periodo di grande ricchezza economica e artistica nella metà del trecento grazie anche alla via Francigena che ancora oggi divide il paese in due parti. Durante questo periodo florido alcune nobili famiglie fecero erigere ben 72 torri come omaggio al loro benessere e alla loro potenza, di queste oggi ne rimangono visibili solo 14. San Gimignano non solo è custode di arte e monumenti ma anche del buon cibo come lo zafferano e del buon vino come la “Vernaccia” uno dei vini bianchi italiani più famosi del mondo che viene prodotto esclusivamente all’interno del Comune di San Gimignano. Tramite una funicolare che attraversa il pittoresco paesaggio bucolico della Toscana, si può raggiungere Certaldo, un altro piccolo gioiello medioevale nascosto nel centro della Val d’Elsa e circondato dalle colline fiorentine. Il borgo è divenuto celebre per aver ospitato Boccaccio: non si sa se lo scrittore nacque proprio a Certaldo, certo è che questa cittadina fu per lui un luogo fondamentale tanto da sceglierla come ultima dimora, la casa dove si spense è situata nel cuore del borgo ed è oggi sede del museo dedicato allo scrittore. Certaldo ha due volti differenti, Certaldo Alto e Certaldo Basso, la parte alta è quella più interessante, quella che ha mantenuto intatto il fascino del passato, attraverso 3 antiche porte si accede al cuore del paesino che oltre ad ospitare la casa di Boccaccio, ospita anche la maggior parte dei monumenti artistici come il Polo Museale di Palazzo Pretorio, antica dimora dei vicari e luogo simbolo di Certaldo e la chiesa dei Santi Tommaso e Prospero al cui interno è situato il Tabernacolo dei Giustiziati di Benozzo Gozzoli. Certaldo Basso è invece la parte più moderna dove sono concentrate le zone residenziali e le attività economiche. Certaldo è un borgo estremamente suggestivo, passeggiare per i vicoli ed affacciarsi dalle panoramiche terrazze è un’esperienza unica dal sapore medioevale.

Nel Valdarno inferiore, sulle pendici della catena del Montalbano sorge Vinci, il piccolo comune richiama subito alla mente il nome del celeberrimo personaggio di fama mondiale al quale il borgo ha avuto l’onore di dare i natali: Leonardo da Vinci, infatti, nacque proprio qui nel 1452. Le origini del borgo risalgono al Medioevo quando tutta l’area era controllata dai conti Guidi ed è proprio a loro che si deve la costruzione del “castello dei Conti Guidi”, tutt’ora la torre del castello domina il borgo e conserva al suo interno il museo Leornadiano dove è possibile ammirare alcune delle invenzioni più famose dell’artista come prototipi di aeroplani, macchine belliche e opere di architettura. Nella piazza del Castello è posizionata una riproduzione in legno dell’uomo vitruviano di Leonardo, realizzata da Mario Cerioli nel 1987, dalla terrazza, inoltre, è possibile ammirare il panorama mozzafiato che regalano le infinite campagne fiorentine, spesso immortalate nelle raffigurazioni di Leonardo. Un altro punto di estrema importanza e bellezza da visitare è Piazza dei Guidi, progettata da Mimmo Paladino che ha creato una pavimentazione che raffigura alcuni disegni di Leonardo e cambia aspetto a seconda delle condizioni atmosferiche, una vera e propria opera d’arte da calpestare. La Toscana è un susseguirsi di piccoli borghi, di città d’arte e di paesaggi incontaminati che incantano il cuore e gli occhi dei visitatori.

Exit mobile version