Prima Pagina>Turismo>Startup DayBreakHotels, stanze e servizi extralusso solo di giorno 
Turismo

Startup DayBreakHotels, stanze e servizi extralusso solo di giorno 

 

Essere viaggiatori per un giorno e viverlo nel lusso di un hotel a 5 stelle. Anche nella propria città. Regalandosi un momento di relax nella spa, o un’esperienza gourmet al ristorante oppure usando la sala meeting per lavorare. Nasce così il daybreaker, un’altra idea di viaggiatore che riesce a trovare spazio per sé nei ritagli di tempo o nelle ore d’attesa. E’ l’idea della startup DayBreakHotels, che propone di sfruttare i servizi di alberghi bellissimi, senza pernottare, e spendendo poco. E che rivoluziona l’idea di hotel rendendo accessibili a tutti esperienze extralusso.

Con DayBreakHotels.com, infatti, si possono prenotare camere d’albergo e relativi servizi in fascia diurna, dalle 9 del mattino alle 24, a una tariffa scontata anche del 70% rispetto alla notte. DayBreakHotels cambia così la percezione degli hotel che, restituiti alla città, si allontanano dal concetto ‘riduttivo’ del solo pernottamento.

Con un canale di distribuzione online dedicato non solo alle camere ma a tutti i servizi dell’hotel, dalle sale meeting alle spa, senza dimenticare piscine e ristoranti, il mercato alberghiero si apre per la prima volta ai viaggiatori in giornata e a chi in una città ci vive, a chi magari cerca anche in trasferta le comodità di ‘una seconda casa’ o di ‘un secondo ufficio’, oppure desidera una destinazione extralusso dove concedersi una mini-vacanza a prezzi prima inimmaginabili.

“DayBreakHotels.com è il primo portale che permette di prenotare gli alberghi da vivere solo di giorno: i clienti possono prenotare camere, generalmente disponibili dalle 10 alle 18 e dalle 18 a mezzanotte, e pagare meno della metà rispetto al prezzo notte, e possono prenotare anche tutti gli altri servizi dell’hotel, quindi Spa, sale meeting, ristoranti piscine, palestre. L’idea è quindi che i clienti possano scegliere quello di cui hanno bisogno e trasformare l’albergo o in un ufficio temporaneo o in posto dove passare una mini-vacanza cittadina”, afferma Simon Botto, founder e ceo DayBreakHotels.

Un modo per dare pure una mano al settore alberghiero, sfruttando le camere non vendute anche di giorno. “DayBreakHotels – spiega – risolve un problema per gli hotel, che è quello di camere e servizi invenduti: circa 2 miliardi e mezzo di camere restano invendute ogni anno, noi le prendiamo e le offriamo a clienti che finora non hanno mai pensato all’hotel come a una soluzione diurna, e diamo loro la possibilità di prenotarle a meno della metà del prezzo notte”.

“Avere una camera dalle 10 alle 18 con accesso Spa, in una città italiana o europea, costa 60 euro in un 4 stelle o 90 euro in un 5 stelle. Quindi, diamo la possibilità a chiunque di vivere esperienze sia leisure sia di lavoro in hotel di lusso”, sottolinea Simon Botto.

DayBreakHotels, dunque, rivoluziona l’hotellerie innovandola e dando nuovo impulso al settore. Con DayBreakHotels gli alberghi hanno nuove opportunità di guadagno in un mercato a bassissimo livello di concorrenza (a differenza di quello del pernottamento notturno caratterizzato da una concorrenza elevatissima). Nasce così per gli hotel l’opportunità di avere linee di ricavi completamente nuove: una camera può essere venduta due volte in una stessa giornata; i servizi dell’hotel, poi, resi disponibili anche ai daybreaker (bar, ristorante, business center), generano altro fatturato.

Non solo: DayBreakHotels dà alle strutture partner la possibilità di attrarre clienti distanti dal mercato alberghiero che, senza il bisogno di pernottare, possono comunque diventare buoni referral per l’hotel, che cambia pelle e per la prima volta amplia la propria offerta anche ai residenti della città, un mercato 100 volte più grande di quello dei turisti.

Le soluzioni più richieste sono: camera matrimoniale diurna (10-18) o serale (18-24) con accesso Spa o con jacuzzi in stanza, matrimoniale diurna (10-18) o serale (18-24) con aperitivo di benvenuto e pranzo/cena servito in camera, o ancora con accesso alla Spa in esclusiva per 2 ore.

Nata dal 2013, la start up DayBreakHotels ha più di 4.000 alberghi di lusso partner, in 16 paesi, tra cui Uk, Francia, Spagna, Cile, Argentina, Russia, Germania ed Emirati Arabi. L’Italia è il 1° mercato, seguito dal Regno Unito, ma in generale circa 100 hotel al mese si affiliano al portale e negli ultimi mesi DayBreakHotels ha fatto registrare una crescita in tutta Europa. Tutti gli hotel sono sia indipendenti sia appartenenti alle principali catene alberghiere, tra cui Starwood, NH Hotels, Accor, UNA Hotels, Starhotels, Radisson, Melià, Hilton, Ihg, Holiday Inn, WorldHotel e Best Western.

DayBreakHotels è anche partner ufficiale di Trenitalia: attraverso la prenotazione di uno dei servizi offerti da DayBreakHotels.com i clienti di Trenitalia possono accumulare punti Carta Freccia o spendere i punti accumulati prenotando un DayBreak in uno degli hotel 4 e 5 stelle affiliati. Inoltre, è partner di: Hertz, con sconti vantaggiosi per i clienti DayBreak sul noleggio di auto in Italia e all’estero; di Mastercard, tramite il programma PricelessCities; del programma Millemiglia Alitalia (i clienti DayBreak guadagnano 2 miglia per ogni euro speso).

E i progetti per il futuro non mancano. “Attualmente, DayBreakHotels.com offre la possibilità di prenotare hotel in 16 paesi, in Italia copriamo oltre 600 comuni, tutte le principali città. Abbiamo in mente di aprire 30 mercati entro il 2021. La sfida è quella di far conoscere e diffondere il servizio sia per l’utilizzo business, attraverso anche accordi con aziende, sia per l’utilizzo leisure”, conclude Simon Botto.

 

 

 

Adnkronos.

Rispondi