Prima Pagina>Curiosità>Voli low cost sfruttando gli errori delle compagnie? Segnatevi questi indirizzi
Curiosità Turismo

Voli low cost sfruttando gli errori delle compagnie? Segnatevi questi indirizzi

Basta seguire su Twitter gli hashtag appositi. Per ricevere invece email d’allerta ci si può iscrivere al Jack’ s Flight Club del “flight hacker” Jack Sheldon (jacksflightclub.co.uk) e alla newsletter di Scott Keyes (scottscheapflights.com)

Anche i computer delle compagnie aeree sbagliano. A volte vengono pubblicate online tariffe aeree a cui manca qualche zero, o che risentono di un cambio di valuta al ribasso. Lo scorso giugno, ad esempio -riporta Il Venerdì di Repubblica- la British Airways ha messo in vendita, a 195 sterline, biglietti di andata e ritorno da Londra per Dubai. Un glitch -errore- tira l’altro e, in contemporanea, Londra-Tel Aviv, sempre andata e ritorno, si vendeva a 167 sterline.

Un errore pari più o meno al 50 per cento. In un giorno -tanto ha impiegato la compagnia aerea ad accorgersi dell’ errore- i biglietti sono andati, ovviamente, a ruba. Chi aveva prenotato a ridosso della data è felicemente partito, chi aveva programmato la partenza con calma si è visto invece annullare i biglietti.

British Airways ha chiesto scusa, offerto un bonus di cento sterline oltre al rimborso, ma ha provocato una valanga di critiche sulla stampa inglese. La materia è infatti spinosa: il cliente dovrebbe avere sempre ragione e ancor di più se l’ errore non è il suo. In effetti, il 60-70 per cento delle volte, le error fares – ovvero le tariffe sbagliate – vengono onorate, e prima del 2015 le compagnie aeree erano obbligate a farlo.

Poi decisero di trincerarsi dietro il cosiddetto “senso comune”: se la tariffa è irrisoria, l’acquirente dovrebbe capire da solo che si tratta di un errore. Sembra semplice, ma allora che dire di quei voli promozionali offerti appositamente a cifre irrisorie, come un Ryanair che nel 2013 offriva Cuba a un solo penny, o dell’ultima promozione di Air Asia: cinque milioni di biglietti a partire da 4 dollari?

Tornando al famigerato volo Londra-Tel Aviv, la British Airways è ancora più nei guai: la compagnia low cost ungherese Wizz Air ha colto l’occasione per acquisire nuovi clienti, proponendo sulla stessa tratta, sempre andata e ritorno, un biglietto a 217 sterline.

Ma allora qual è il prezzo giusto per un biglietto aereo? La realtà è che nessuno lo sa davvero. Il passeggero che viaggia accanto a noi può avere pagato il doppio, oppure la metà o anche un decimo, dipende solo da quando, dove e come ha comprato il suo biglietto.

Grande è la confusione nel cielo, e le error fares sono ormai di dominio pubblico. Basta seguire su Twitter gli hashtag appositi per volare in business da Miami a San Paolo per 394 dollari o da Praga in Australia o Nuova Zelanda a 154 sterline.

Per ricevere invece email d’ allerta ci si può iscrivere al Jack’ s Flight Club del flight hacker Jack Sheldon (jacksflightclub.co.uk) e alla newsletter di Scott Keyes (scottscheapflights.com). L’ essenziale è essere pronti a partire in qualsiasi momento e per qualsiasi luogo. In un certo senso, si recuperano poesia e avventura del viaggio.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *