Prima Pagina>Scienze>Più forte l’Europa dello spazio, con 14,4 miliardi di euro
Scienze

Più forte l’Europa dello spazio, con 14,4 miliardi di euro

Lo spazio europeo può contare su un finanziamento di 14,4 miliardi di euro per i prossimi tre anni, ossia circa due in più del previsto. Lo ha annunciato il direttore generale dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), Jan Woerner, al termine della Conferenza ministeriale Space19+, che ha riunito a Siviglia i rappresentati di tutto gli Stati membri dell’Esa. “Sono felice”, ha detto Woerner, per il quale “lo spazio unito d’Europa” è una realtà.

L’Italia continua a essere il terzo partner dell’Esa in termini di contributi, con 2,282 miliardi pari al 15,9%. E’ preceduta dalla Germania, che con 3,294 è il principale contributore al budget dello spazio europeo (22,9%), e dalla Francia, seconda con un contributo di 2,664 miliardi (18,5%).

Dei 14,4 miliardi a disposizione dello spazio europeo, la maggior parte sono destinati all’osservazione della Terra, con 2,541.”Ci chiediamo – ha detto Woerner – che cosa possiamo fare dallo spazio per la società, per le industrie europee e per le università, che cosa possiamo fare per l’ambiente, sempre più minacciato? A tutte queste domande vogliamo rispondere con fatti”, ha aggiunto riferendosi ai servizi e ai dati che i satelliti per l’Osservazione della Terra possono fornire. Il trasporto spaziale, con l’assegnazione di 2,238 miliardi, è la seconda voce nel programma di investimenti degli Stati membri dell’Esa, che comprende i programmi di sviluppo per la famiglia dei lanciatori europei, della quale presto entreranno a far parte Vega C, quest’ultimo costruito in Italia dalla Avio, e Ariane 6, i cui motori sono basati sulla tecnologia del motore di Vega. Rientra in questo settore anche la futura navetta europea Spacerider, in grado di rientrare a Terra.


Distribuzione di finanziamenti per aree (fonte: ESA)

L’esplorazione umana e robotica è la terza voce degli investimenti spaziali europei, con 1,953 miliardi. Molto importante anche l’investimento per l’attività scientifica, che rientra nei programmi obbligatori dell’Esa e che per questo, a differenza degli altri programmi, può contare su un investimento quinquennale pari a 1.671 miliardi per tre anni, più 1,152 per altri due anni.


I programmi scientifici obbligatori dell’Esa (fonte: ESA)

Rispondi