Prima Pagina>Tecnologia>Serve un consiglio? Ci pensa Nao, il robot consulente
Tecnologia

Serve un consiglio? Ci pensa Nao, il robot consulente

Una nuova generazione di macchine “social” potrebbe sostituire in futuro gli essere umani nei colloqui motivazionali per incoraggiare le persone a cambiare comportamenti e stili di vita

Dopo Sipro, la tata robot e Vera, il robot assunto da Ikea per velocizzare i colloqui di lavoro, arriva il robot consulente, una via di mezzo tra un motivatore e un personal coach, che però esprime meno giudizi del suo alter ego umano.

I ricercatori dell’università britannica di Plymouth hanno messo alla prova Nao come consulente nei colloqui motivazionali, ossia le interviste che dovrebbero aiutare le persone a prendere coscienza, e quindi migliorare, alcuni comportamenti.

Nao è riuscito a incoraggiare chi voleva fare più attività fisica, facendo esprimere a voce alta i propri obiettivi ai volontari e spingendoli a tirar fuori delle idee su come raggiungerli.

I risultati, descritti sul Journal of Medical Internet Research, hanno riscosso un grande successo tra le persone coinvolte nei colloqui. I risultati sono stati più che positivi: i volontari hanno elogiato il simpaticissimo robot, valutando gli incontri come utili e piacevoli, con un particolare apprezzamento per “il suo non giudicare”. Tanto che in un caso il robot è stato addirittura preferito al consulente umano.

I ricercatori britannici hanno sottoposto le persone a colloqui sia con esseri umani, sia con il robot: Nao si sarebbe dimostrato superiore: “Grazie al loro non essere percepiti come critici e moralisti – spiega Jackie Andrade, coordinatrice del progetto – i robot sono più efficaci rispetto agli avatar umanoidi nel dare questo tipo di supporto“.

Rispondi