Prima Pagina>Scuola>Alunni indisciplinati? Niente sospensione, ma lavori socialmente utili
Scuola

Alunni indisciplinati? Niente sospensione, ma lavori socialmente utili

Rieducare invece di punire, questa la filosofia di una scuola superiore in provincia di Padova: così arrivano le pulizie in aula e le attività sociali con gli anziani. “Ci sono tante scuole che hanno scelto questa strada”, dice la preside

Padova – Hai fatto un danno, ripaghi la comunità”. In queste semplici ma importanti parole della professoressa Mariella Pesce, preside dell’Istituto superiore Newton-Pertini di Camposampiero, è racchiuso tutto il percorso di rieducazione scelto dalla scuola, con l’approvazione della maggior parte dei genitori: i metodi tradizionali funzionano poco? Si passa a quelli alternativi che fanno bene a tutti.

La professoressa Pesce si stupisce della rilevanza mediatica che sta avendo in questi giorni la sua scelta: “Sono cose normali che fanno tante scuole, è previsto dallo statuto degli studenti e studentesse per quanto riguarda i provvedimenti disciplinari”.

Abbiamo pensato che stare a casa non abbia poi questa grande utilità nel percorso educativo dei ragazzi – continua – e il sistema funziona: quest’anno abbiamo avuto una decina di casi su 1.700 studenti. L’abbiamo applicato anche per situazioni semplici e banali. Per esempio, raggiunto il numero massimo di richiami, i ragazzi si fermano un’ora in più a pulire la scuola, a riordinare. Chi invece si è comportato male con i compagni, “ripaga” aiutandoli nelle lezioni”.

“Lavorando a un servizio sociale i ragazzi hanno l’opportunità di riflettere sui loro sbagli”

Un sistema che è possibile attuare anche grazie alla disponibilità della maggior parte del corpo docente, che si presta a seguire i ragazzi, facendo ore in più. “Se uno si comporta male o non rispetta le regole, c’è l’ora di lezione con il professore di diritto, che si è messo a disposizione”.

Il metodo dei lavori socialmente utili funziona anche come deterrente: “La cosa bella è che non ho recidive, la maggior parte ha imparato la lezione”.

Insomma, in questa scuola, e in molte altre, la preside ci tiene a sottolinearlo nuovamente, le note sul libretto e sul registro, le sospensioni o le penalizzazioni nei risultati scolastici sono stati sostituiti dal “servizio sociale“, che oltre alle pulizie, l’aiuto ai compagni e le lezioni di diritto, comprende anche un supporto agli anziani della comunità, come la vicina casa di riposo Anna Moretti Bonora.

La scuola è convinta che il coinvolgimento dei ragazzi in attività a servizio degli altri serva molto di più che lasciarli a casa a oziare. La riabilitazione educativa è una grande opportunità per imparare a vivere rispettosamente insieme, dentro e fuori la scuola.

Rispondi