Prima Pagina>Sociale>Rallentiamo il ritmo seguendo i 14 comandalenti: è la giornata mondiale della lentezza
Sociale

Rallentiamo il ritmo seguendo i 14 comandalenti: è la giornata mondiale della lentezza

Prendevi una pausa, oggi è più che lecito: rallentare è una scelta che può migliorare la vita. È una rivoluzione silenziosa, tra le pieghe di un’esistenza a volte complicata, per trovare il tempo di assaporare la gioia di vivere

Disconnettersi dalla rete per connettersi con noi stessi e con gli altri. Almeno un giorno da festeggiare con lentezza in tutto il mondo rivolgendo attenzione a se stessi, agli altri e all’ambiente.

Tutti prima o poi hanno bisogno di rallentare, di mettersi in stand-by dai ritmi frenetici della vita quotidiana. È arrivato il momento di procedere con calma per apprezzare le piccole gioie quotidiane. L’importanza di affrontare la vita con più tranquillità arriva, puntuale come ogni anno, con la Giornata della lentezza.

Giunto alla sua tredicesima edizione, l’appuntamento invita tutti, per ventiquattro ore, a fermarsi e a rallentare il ritmo. Per recuperare le forze e usare meglio le proprie energie, tra meditazione, letture e altre iniziative.

La Giornata Mondiale della Lentezza è una campagna di comunicazione sociale che propone un’architettura di vita più rispettosa e solidale che superi la cultura dell’eccesso. Ideata da L’Arte del Vivere con Lentezza nel 2007, nel corso degli anni ha cambiato forma: come associazione promuoviamo eventi e riflessioni, ma invitiamo tutti, singoli, associazioni, comuni, gruppi, scuole, carceri, ospedali a rallentare simbolicamente per un giorno. Siete invitati a partecipare con amici, colleghi o in famiglia, creando il vostro piccolo-grande evento, che sia un gesto di gentilezza verso voi stessi, gli altri e l’ambiente”.

Sono sufficienti piccole azioni per grandi e duraturi cambiamenti che introducano un modello di società riflessivo e partecipativo che a partire da noi stessi ritrovi la felicità in quello che abbiamo, senza rinunciare ai nostri progetti per il domani. È una rivoluzione silenziosa, tra le pieghe di una vita a volte complicata, per trovare il tempo di assaporare quel po’ di gioia di vivere che certamente esiste”.

Impariamo  a  dire  qualche  no  e  ad  avere  dei  momenti  di  vuoto

I comandalenti. Per trovare la velocità giusta nella vita, Vivere con Lentezza ha stilato 14 comandalenti: svegliarsi  5  minuti  prima  del  solito  per  farsi  la  barba,  truccarsi  o  far  colazione  senza  fretta  e  con  un pizzico di allegria; se siamo in coda nel traffico o alla cassa di un supermercato, evitiamo di arrabbiarci e usiamo questo tempo per programmare mentalmente la serata o per scambiare due chiacchiere con il vicino di carrello; se entrate in un bar per un caffè, ricordatevi di salutare il barista, gustarvi il caffè e risalutare barista  e  cassiera  al  momento  dell’uscita  (questa  regola  vale  per  tutti  i  negozi,  in  ufficio  e  anche  in ascensore);  scrivere sms senza  simboli  o  abbreviazioni,  magari iniziando con  caro  o  cara;  quand’è possibile,  evitiamo  di  fare  due  cose  contemporaneamente  come  telefonare  e  scrivere  al computer…altrimenti    si rischia  di  diventare  scortesi,  imprecisi  e  approssimativi;  evitiamo  di  iscrivere  noi  o  i  nostri figli  ad  una scuola  o  una  palestra  dall’altra  parte  della  città;  non riempire  l’agenda  della  nostra  giornata  di appuntamenti,  anche  se  piacevoli,  impariamo  a  dire  qualche  no  e  ad  avere  dei  momenti  di  vuoto;  non correte  per  forza a fare la spesa, senz’altro la vostra dispensa vi consentirà  di cucinare una buona cenetta dal  primo  al  dolce;  anche  se  potrebbe  costare  un  po’  di  più,  ogni  tanto  concediamoci  una  visitina al negozio sottocasa, risparmieremo in tempo e saremo meno stressati; facciamo una camminata, soli o in compagnia, invece di incolonnarci in auto per raggiungere la solita trattoria fuori porta; la sera leggete i giornali e non continuate a fare zapping davanti alla tv; evitate qualche viaggio nei week – end o durante i lunghi ponti, ma gustatevi la vostracittà, qualunque essa sia; se avete 15 giorni di ferie, dedicatene 10 alle vacanze e utilizzate i rimanenti come decompressione pre o post vacanza; smettiamo di continuare a ripetere: “non ho tempo”. Il continuare a farlo non ci farà certo sembrare più importanti.

A Milano una nuova Ztl: Zona a tempo Lento

A Milano, l’Arte del Vivere con Lentezza, promotrice della giornata, organizza una serie di eventi per dimostrare che in fondo è possibile affrontare con un passo differente la vita di tutti i giorni. E in questa tredicesima edizione ha deciso di attivare a Milano una nuova Ztl,  Zona Tempo Lento. Non solo nel capoluogo lombardo, naturalmente. Molte le città italiane che ogni anno aderiscono alla Giornata della Lentezza con iniziative di vario genere.

La Giornata della Lentezza  è un invito gioioso a rallentare, a non essere preda della frenesia – sottolinea Bruno  Contigiani fondatore dell’Associazione Vivere con Lentezza  – ma  nonostante  ciò  affronta  un  tema  però  molto  serio:  l’indifferenza  e il distacco  dalla realtà,  che  il correre  senza  freni comportano,  trasferendoci in una  realtà  amplificata,  dove  in  luogo  di  stare con gli amici, inforchiamo gli occhiali virtuali. Fermarsi e rallentare, fa bene non solo al cuore, ma anche alle nostre relazioni, agli affetti, a riconnetterci con noi stessi, gli altri e l’ambiente. Proviamoci, con leggerezza, non  sarà  una  resa,  ma  un  “A  rimortis”  come  quando  si  giocava  da  piccoli,  una  pausa  per  una  felice ripartenza!”.

Rispondi