Primavera e Giro d’Italia chiamano i ciclisti dilettanti, ma anche i biker, a sfide epiche: ne proponiamo cinque tra le più impegnative, in tutto lo Stivale

Ciclisti e cicloturisti di tutta Italia in gran fermento: è partito il Giro d’Italia con 21 tappe in programma, per un totale di più di 3500 chilometri. La voglia di emulazione, complice la primavera è grande: ecco quindi che TrueRiders ha individuato i cinque passi di montagna più belli e affascinanti del Giro d’Italia 2018, da percorrere categoricamente con le due ruote, a pedali o, meno faticoso, a motore. Mettetevi alla prova.

 

1-   La scalata dell’Etna (Tappa 6 – 10 maggio): si tratta del primo arrivo in salita del Giro 2018, al termine del trittico di tappe siciliane. In particolare nella sesta assoluta la partenza verrà data da Caltanissetta e la chiusura, a quasi 1800 metri, proprio sull’Etna. Un percorso bellissimo da fare anche in moto.

2-  Campo Imperatore, Gran Sasso d’Italia (Tappa 9 – 13 maggio): un finish suggestivo, al cospetto di sua maestà Gran Sasso. La vetta più alta dell’Appennino ci regala l’arrivo a 2135 metri di quota, in cima a Campo Imperatore. Una meta ambitissima per ogni centauro che si rispetti.

3-  Monte Zoncolan (Tappa 14 – 19 maggio): non a caso è soprannominato il “Kaiser”. Si tratta del valico più amato e odiato dai ciclisti, la cosiddetta prova del nove, una vera e propria sfida massacrante. Arriva al termine di una delle tappe decisive del Giro di quest’anno. Se non volete avventurarvi con i pedali, potete tentare la sorte in sicurezza con le motociclette.

4-  Colle delle Finestre (Tappa 19 – 25 maggio): è la Cima Coppi dell’edizione 2018, con i suoi 2178 metri. Arriva poco dopo la metà della diciannovesima tappa, quella che da Venaria Reale porta a Bardonecchia. Un passo da sogno, con curve mozzafiato che vi appassioneranno anche e soprattutto in moto.

5-  Col Tze Core (Tappa 20 – 26 maggio): l’ultima grande prova del Giro d’Italia sarà il Col Tze Core, sulle magnifiche vette della Valle D’Aosta. La ventesima tappa deciderà la classifica 2018, prima dell’arrivo a Roma il giorno seguente. Perché non ripetere le gesta dei campioni, magari in sella alla propria moto? Un bel tour in Val d’Aosta potrebbe fare al caso vostro.

 

a.d.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *